Romana Calcio 1 – Gerano 0

Romana Calcio e Gerano, a sei giornate dalla fine del campionato, si giocano al “Ferrovieri” punti pesanti per l’accesso alla Coppa Provincia di Roma.

I giallo-blu, mai a segno nei tre precedenti andati in scena tra le due squadre, scendono in campo con il dovere di vincere per mantenere il quarto posto in classifica e dare una risposta concreta dopo gli ultimi risultati tutt’altro che positivi (quattro punti ottenuti nelle ultime quattro partite).

Rispetto alla trasferta di Anticoli Corrado, Mister Coladonato recupera Beffa, Mostaccioli e Grosso ma deve rinunciare ad Arcieri, Bunkheila e Sangineto (in tribuna per decisione del Presidente Di Maggio dopo il pericoloso infortunio subito la settimana scorsa). Davanti a Marazzi giocano Iori a sinistra, Gazzellini a destra e l’usato sicuro composto da Federico Volponi e Paolo Zenobi in mezzo. A centrocampo c’è ben poco da inventare con Mostaccioli-Ratti e Beffa unici disponibili, mentre Arcese viene scelto dal tecnico per galleggiare dietro la coppia Tafone-Grosso. Vanno in panchina Patrizi e Froio.

La partita, già dal fischio di inizio, è condizionata dalle fortissime raffiche di vento che battono il “DLF” e che condizionano in modo evidente le traiettorie del pallone. Nei primi quarantacinque minuti abbiamo il vento contro, si fa grande fatica a trovare in 190 centimetri di Tafone con palloni lunghi. Molto meglio quando la palla passa per i piedi di Arcese (con Ratti il migliore tra i nostri) bravo a farsi trovare libero tra le due linee di gioco del Gerano e a dialogare con le punte giallo-blu.

La prima frazione, non certo memorabile per il gioco espresso dai protagonisti, è caratterizzata da un grande equilibrio, si battaglia per lo più a centrocampo ed entrambi i portieri sono chiamati alla normale amministrazione. Alla Romana viene tuttavia negato un rigore netto su Tafone, ingiustamente ammonito per simulazione.

Nella ripresa non cambia il copione della partita ma con il vento a favore la Romana Calcio riesce ad alzare di una decina di metri il proprio baricentro e pressare con maggiore incisività la difesa geranense. Tuttavia le occasioni da rete faticano ad arrivare, la manovra giallo-blu si perde negli ultimi sedici metri dove Tafone e Grosso si impegnano molto ma non tirano mai in porta.

Allo scoccare dell’ora di gioco ecco il cambio che spacca in due la contesa e fa tornare attuale, ancora una volta, quel leitmotiv che raccontiamo su queste pagine da ormai cinque anni. Coladonato richiama in panca Stefano Grosso (apparso in crescita ma non ancora al top della forma) e manda dentro Antonio Froio (42 reti in 72 presenze con la maglia della Romana).

Antonio prende palla e semina il panico al limite dell’area ospite; il numero 5 del Gerano indirizza goffamente la sfera verso il proprio portiere che invece di calciare lontano sceglie di bloccare il pallone. Il Direttore di gara è irremovibile, punizione a due da calciare a non più di tre metri dalla linea di porta.

Froio con disarmante facilità calcia la punizione all’angolino, porta in vantaggio la Romana ed indirizza in modo definitivo la storia della partita a nostro favore. Il messaggio di Federico Bunkheila ricevuto dal sottoscritto nella serata di sabato esprime in modo inequivocabile un concetto ormai ben chiaro a tutti “Quando ha voglia, Antonio è il numero uno” e ieri per nostra fortuna il bomber aveva voglia.

Dopo la rete del vantaggio, si aprono spazi invitanti per chiudere definitivamente i giochi, prima l’arbitro non vede una trattenuta macroscopica di un difensore ospite su Froio lanciato in porta, pochi minuti dopo lo stesso numero 18 invece di servire Patrizi completamente libero in mezzo all’area di rigore cerca una conclusione da posizione defilata che termina sull’esterno della rete.

Il Gerano prova a pareggiare, si accende qualche mischia nella nostra area di rigore, tuttavia il buon Marazzi non deve compiere nemmeno una parata e la contesa si chiude sul punteggio di 1 a 0 per la Romana.

Abbiamo cosi ottenuto tre punti di platino (con l’Anticoli distante adesso un solo punto in classifica)  che ci permettono di continuare, seppur tra tante difficoltà, il nostro percorso verso l’obiettivo della qualificazione alla Coppa Provincia di Roma per il terzo anno consecutivo.

Da qui alla fine ci attendono ancora cinque gare molto difficili, la prima dopo la pausa per le festività di Pasqua ci vedrà protagonisti sul caldissimo campo del Rocca Santo Stefano. 

 

OCCHIO ALLA VOLPE…..ANTICOLI-ROMANA

1 – SANGINETO: giusto il tempo di scontrarsi duramente con l’avversario e correre al S. Giovanni Evangelista di Tivoli. Tanto spavento ma nulla di grave fortunatamente. CRASH TEST s.v. (MARAZZI: entra a freddo nella partita più difficile, ma l’aria ormai familiare del paese lo stimola e risponde presente. Magistrale nell’uscita bassa nell’uno contro uno, sicuro sui tiri alla distanza, nulla può sui gol subiti. Un recupero importante. BENTORNATO 7

Leggi il resto

ANTICOLI CORRADO 2 – ROMANA CALCIO 0

Partiamo con la notizia più importante. Gli esami clinici hanno dato esito negativo e per il nostro portierino Andrea Sangineto solo tanto spavento e qualche ora passata nell’ospedale di Tivoli dopo il trasporto in ambulanza per la botta al torace rimediata ad una manciata di minuti dall’inizio di Anticoli Corrado – Romana Calcio.

Leggi il resto